Archivi per maggio 2012

Il papa a Milano lontano da corvi e gendarmi

Domani il povero papa lascia il Vaticano dei corvi e dei gendarmi e va nella Milano delle famiglie dove resterà sabato e domenica: leggo simbolicamente questo spostamento. Le famiglie sono il meglio della Chiesa di oggi. Quando Benedetto è con loro è nella sua vera casa.

Commenti (140)

Nella notte delle notizie tutti i corvi sono neri

Nella notte delle notizie dove tutti corvi sono neri, da cronista anziano delle cose vaticane butto là tre desiderata: che i responsabili chiariscano di più e più tempestivamente (il silenzio su Gotti Tedeschi è paradossale), che i colleghi distinguano i fatti dalle dicerie (inviterei a considerare le interviste ai corvi anonimi come le “lauree albanesi”), che chi ha qualche grano di sale mantenga un minimo di equilibrio nel valutare gli eventi: un corvo è un corvo e dargli più attenzione di quanta se ne dà allo scontro sull’Ior è insensato. – E’ la conclusione sdegnata di una mia tranquilla divagazione pubblicata ieri da LIBERAL con il titolo STIAMO ATTENTI AI MEDIA-CORVI.

Commenti (75)

Il sindaco cieco di Cuneo: “Non vedo ma ascolto”

«Sono cieco ma ascolto, leggo e scrivo. Un sindaco innanzitutto deve saper ascoltare perché solo ascoltando si possono capire i bisogni delle persone»: parole di Federico Borgna sindaco di Cuneo eletto nel ballottaggio di domenica 20 con il sostegno di quattro liste civiche. Brindo alla sua elezione con un bicchiere di Vino Nuovo.

Commenti (70)

Montetauro collina delle meraviglie

Dopo la veglia di Pentecoste a Rimini sabato sera, ieri mattina sono stato con mia moglie a Montetauro, ospite della Piccola Famiglia dell’Assunta. Una Messa di Pentecoste – alla quale ho partecipato seduto su una panca accanto all’editore Mario Guaraldi – e un’Ora Media di straordinaria intensità. L’omelia di don Lanfranco, la conversazione con suor Paola, una straordinaria catechesi di ambedue a una trentina di cinesi, un piacevole pasto comunitario – con un bel sole, gli olivi in fiore, due cani bonari, i “piccoli” che hanno sempre il primo posto. Mirabile conversazione con don Mauro, un prete colpito da sla che stampa omelia battendo gli occhi davanti al computer. Don Mauro completamente afasico e bloccato, ma interessato a sapere della Veglia. Ode le mie parole e ringrazia delle mie mani sulle sue guance. Una “sorella” interpreta con la lettura delle labbra le risposte che mi dà. Montetauro collina delle meraviglie dove tutti hanno tempo per i bambini e gli infermi, i cerebrolesi, gli autistici, gli spastici.

Commenti (24)

Stasera Veglia di Pentecoste in Piazza Cavour a Rimini

Un saluto ai visitatori, mentre sto partendo per Rimini dove stasera alle 21 sarò tra gli animatori della Veglia di Pentecoste che si farà in Piazza Cavour. L’anno scorso ero stato parte di un’analoga Veglia a Pistoia, vedi qui: Buona Pentecoste da Piazza Duomo a Pistoia. Sono entusiasta delle veglia in piazza. “Dobbiamo rischiare di più la nostra presenza per le strade e nelle piazze” diceva quell’11 giugno il vescovo di Pistoia e io argomentavo con lui lo stesso concetto. – Domani mattina salirò a Montetauro, dove festeggerò la Pentecoste con le sorelle della Piccola Famiglia dell’Assunta: uno delle comunità di maggiore radicalità evangelica che io conosca. Poi vi racconterò sia di Rimini sia delle “sorelle” di Montetauro e dei “piccoli” a cui dedicano la vita. Chi voglia saperne qualcosa legga qui: A Montetauro trenta consacrate adottano bambini.

Commenti (38)

Condivido l’appoggio di Bagnasco a Monti

Dalla fine del collateralismo Chiesa-Dc – che possiamo far risalire al 1963: «Pacem in Terris» e primo governo Moro – nessun esecutivo aveva goduto di tanto appoggio da parte del nostro Episcopato come il governo Monti. Quell’appoggio, manifestato fin dalla costituzione del Gabinetto a metà novembre, è stato rafforzato dalla prolusione all’Assemblea della Cei tenuta lunedì 21 maggio dal cardinale Bagnasco. Un rafforzamento che si è espresso con il monito rivolto ai partiti tentati – sei mesi dopo la formazione del governo – di “volersi ritrarre” dal sostenerlo: «Nessuno si illuda che il Paese tolleri facilmente di ritornare alla condizione “quo ante”. Si deve piuttosto scommettere sull’intelligenza dei cittadini, ormai disincantati e stanchi». – E’ il discutibile avvio di un mio articolo pubblicato mercoledì 23 da LIBERAL alle pagine 14 e 15 con il titolo Italia rialzati e cammina, nel quale sono diverse affermazioni difficilmente condivisibili.

Commenti (24)

La mia solidarietà a Gotti Tedeschi

Non mi aspettavo la cacciata dell’ottimo Gotti Tedeschi dalla presidenza dell’Ior avvenuta ieri. La vicenda esce dal mio schema interpretativo, o meglio: lo fa saltare. E dunque al momento non so dire che sia stato. Di sicuro un brutto esito di un conflitto sul governo del denaro. Una materia per la quale da tempo sostengo la necessità di una penitenzia – per gli uomini di Chiesa – simile a quella che stanno conducendo sulla pedofilia del clero: quella penitenza comporterebbe, a mio parere, la chiusura dello Ior. Conosco un poco Gotti Tedeschi, quanto basta per sapere che dirà la sua. E per dirgli la mia solidarietà.

Commenti (149)

Ossimori 7: Pianti di gioia

Per primo viene il Memoriale di Pascal: “Gioia, gioia, gioia, pianti di gioia”. Subito dopo metto il rovesciamento evangelico: “Beati voi che piangete perché riderete” (capitolo sesto di Luca). Per terzo le allodole che alla morte di Francesco “cantavano un gioioso pianto e una gioia dolorosa” (Trattato dei miracoli di Tommaso da Celano n. 32). La lacrima del riso della poetessa polacca Wislawa Szymborska: “Versi per una sola voce, / slanci privati, / talenti non indispensabili, / curiosità superflua, / afflizioni e paure di modesta portata / e tu, voglia di guardare le cose da sei lati. /…chiaroscuri e semitoni, / capricci, ornamenti e dettagli, / stupide eccezioni, / segni dimenticati, / innumerevoli varianti del grigio, / gioco per il gioco / e tu, lacrima del riso”. Per finire con il caro Luzi: “A volte si tocca il punto fermo e impensabile / dove nulla da nulla è più diviso, / né morte da vita / né innocenza da colpa, / e dove anche il dolore è gioia piena” (A volte si tocca il punto fermo e impensabile, in “Su fondamenti invisibili” 1971)

Commenti (28)

Così mi sono salvata dai Testimoni di Geova

Col tempo ho deciso di uscire dall’organizzazione dei Testimoni di Geova. E’ stata una decisione che mi ha portato tanta sofferenza per le conseguenze che poi hanno segnato la mia vita, infatti per tutti loro ero diventata un’eretica e venni sottoposta a una specie di processo da parte di un comitato giudiziario che mi lesse alcune scritture bibliche adatte a chi rinnegava Cristo. Secondo loro non dovevo neppure più pregare perché Dio non avrebbe mai ascoltato le mie preghiere. Sono stata denunciata pubblicamente nelle loro assemblee ed è stato vietato a chiunque di salutarmi o di parlarmi. All’improvviso mi sono trovata sola, senza un amico, senza la comprensione della mia famiglia“: Cristina Riva, di Calalzo di Cadore, racconta per questo blog la sua traumatica esperienza con i Testimoni di Geova e l’elemento decisivo della fuoriuscita da tanta persecuzione, che fu una drammatica invocazione al Padre in una notte di disperazione. Puoi leggere la sua storia nel capitolo 20 PREGHIERA PUBBLICA della pagina CERCO FATTI DI VANGELO elencata sotto la mia foto.

Commenti (70)

Ecco i 10 comandamenti di Facebook

1) Facebook non è Dio e neppure l’unico mezzo di comunicazione
2) Non chiedere l’amicizia ai propri figli
3) La vita non è fatta di soli amici
4) Siamo fatti anche di Facebook: non sminuire l’importanza di FB nella vita del ragazzo
5) Usa Facebook e leggi le fiabe: mangiare poco, mangiare di tutto.
6) Chiedete le password ma non spiate i figli: FB luogo di fiducia possibile
7) Facebook non è il luogo della fuga
8 ) Facebook non è il luogo del segreto
9) Non condividete con tutti, qualsiasi cosa
10) Siate educatori, sempre. Anche attraverso Facebook

Sono le materie trattate nel volume di Paolo Padrini (Novi Ligure, 1973) Facebook, internet e digital media. Guida per genitori ed educatori (San Paolo Editore) che arriva ora nelle librerie.

Commenti (17)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »