Giovanni Franzoni “non era un santo né un santino”

“Giovanni Franzoni non era un santo, né un santino. Era, però, un uomo vero: mite, generoso, determinato ed era un discepolo di Gesù di Nazareth di straordinaria caratura”: parole di Luigi Sandri, amico mio e ancora più di Franzoni, che ha scritto di Giovanni – morto a 88 anni il 13 luglio – un bel ricordo di cui riporto alcuni brani rinviando alla lettura integrale su “Confronti”: http://www.confronti.net/

Commenti (6)

Una cartolina dal Palazzo di Venezia messo a nuovo


Eccomi a Palazzo Venezia, nel loggiato del cortile, per la mostra “Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimento tra Venezia e Roma”. Ho in mano il sacco delle olive, pende dal collo l’audioguida compresa nel biglietto. Invito alla mostra, che ha un prolungamento a Castel Sant’Angelo e che permette di apprezzare il nuovo giro del palazzo. Nella Sala delle Battaglie “un’installazione video sonora”, intitolata “Il giardino dei sogni”, ti porta “idealmente e in modo immersivo” – assicura il pieghevole di visita – in un giardino cinquecentesco.

Commenti (2)

Hanno fatto arcivescovo il Mario

Mario Delpini, nuovo arcivescovo in Milano, si dice inadeguato “già dal nome”: elenca quelli dei predecessori (Angelo, Dionigi, Carlo Maria) e conclude: “Mario che nome è?” Parlata popolare e letteratura gli danno ragione: “Hanno ammazzato il Mario” è un titolo di Dario Fo per la storia di un poveraccio. “L’Adalgisa” di Gadda attesta che a Milano per sfondare ti devi chiamare almeno Carlo: “Come dice anche solo il nome, Carlo!, egli era un bravo e bell’uomo”.

Commenti (41)

Ideuzze sul blog 1. Le gran polemiche

Dal primo luglio – come sapete – ho preso un mezzo congedo dal blog. Ma ogni tanto leggo i commenti dei visitatori e questo calo d’attenzione mi aiuta a ragionare. Ho dunque deciso che esporrò ogni tanto – numerandole – alcune ideuzze sul blog e sui visitatori dei blog. Parto dalle polemiche che sono il pane dei bloggers. Poi tratterò della teologia, che abbonda sulla bocca di chi poco ne intende e dilaga nei blog. Infine dirò della politica. Il mondo è pieno di pensamenti siffatti: che balordi quelli di destra, che bastardi quelli di sinistra. La maggior parte dei visitatori dei blog la politica l’intendono così. Nei commenti svolgo la prima delle ventilate ideuzze: quella delle gran polemiche. Un altro giorno dirò delle disfide tra i visitatori.

Commenti (52)

Un saluto da Jesi con l’oro dei girasoli

Commenti (4)

“Vietato lamentarsi”: tempi duri per i piagnoni

Scherzo del Papa ai visitatori che l’incontrano a Santa Marta: da qualche giorno ha appeso sulla porta dell’appartamento la scritta «Vietato lamentarsi»: nei commenti il come e il quando della battuta e del cartello che la riporta, di cui informa oggi “La Stampa”.

Commenti (173)

Giacomo Biffi che non comprende l’enigma del male

“Nel Figlio di Dio Crocifisso, tutto l’enigma del soffrire umano si comprende. Ma si comprende oggettivamente, in se stesso, sul piano dell’essere; io, soggettivamente, non lo comprendo”: sono parole di pregio contenute nel carteggio di Giacomo Biffi con Emanuela Ghini. Nei commenti fornisco la fonte, le riproduco per intero, aggiungo un minimo commento. La segnalazione di questo testo biffiano è un mio dono ai visitatori che invito a restare all’altezza delle parole del cardinale, o almeno a quella della mia lettura.

Commenti (129)

Accusà er Papa a Sant’Uffizio

“Accusà er Papa a Sant’Uffizio” si diceva a Roma per le cause perse: un motto tornato attuale con la cacciata del cardinale Müller dalla Congregazione per la Dottrina, che oggi fa il lavoro che fu del Sant’Uffizio. Da un paio d’anni crescevano gli appelli dei tradizionalisti al buon Müller contro le novità bergogliane tant’è che Francesco un giorno disse: “Per favore non andate ad accusarmi con il cardinale Müller”. Accusa e causa persa: proprio come voleva il motto. – E’ un mio “spillo” pubblicato oggi da “La Lettura” del Corsera a pagina 16. Nel primo commento una noticina d’accompagnamento.

Commenti (29)

Vieni Joaquin niente male questo posto

– Santità eccoci di nuovo insieme…
– Vieni Joaquin, niente male questo posto…

Commenti (49)

Un bacio a Joaquin Navarro-Valls amico fedele

La morte di Joaquin Navarro-Valls per me è un sisma. Tante conversazioni. Interviste. Preghiere in ginocchio l’uno accanto all’altro. Ultima veglia di persona a me cara. E’ dal 1977, da quando arrivò a Roma, che ci frequentavamo. Ho scritto un “ricordo” per il “Corsera” e domani lo linkerò. Nel primo commento la mia gratitudine.

Aggiornamento al 6 luglio. Qui si può leggere il mio ricordo pubblicato oggi dal Corsera.

Commenti (55)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »