Parabola del Leopardi e del fanciullo visto in chiesa

Stasera in parrocchia bimbino di tre anni che va avanti e indietro nel mezzo della chiesa guardando intorno come a casa sua. E memoria di Giacomo Leopardi che aveva già descritto quella scena: vedila nel primo commento.

Commenti (3)

Vuoi stare insieme a me?

“Giusy vuoi stare insieme a me?”: questa proposta piena di garbo è tracciata a grandi lettere sul parapetto della scala che porta all’ingresso del campanile di San Marco a Pordenone. L’ho letta domenica 18 trovandomi lassù per una conferenza a Pordenonelegge.

Commenti (6)

Da Castelbasso in questi anni domini attuali

Questo è Castelbasso, Teramo, nido di pietre a tiro del mare, dove fui in luglio per una conferenza. Al centro c’è una chiesa, restaurando la quale dietro a un pannello della porta è apparso un messaggio a matita dei falegnami che la costruirono nel 1906: si chiedevano come vada a noi, scopritori del pannello, riguardo alla fame e agli altri accidenti della vita. Nel primo commento la foto del pannello e il testo del messaggio. Nel secondo la foto di un leoncino, custode della porta e della scritta.

Commenti (32)

Benedetto 3: “Non osavo essere tanto originale”

“Ultime conversazioni” [vedi post dell’11 e del 13 settembre] mostra un Ratzinger che non teme di rievocare momenti di vita che non aveva mai narrato prima con tanta libertà. E’ uno degli aspetti amabili del libretto. Il titolo lo prendo dalla confidenza sulla bicicletta: l’usava da professore, ma non se la sentì di pedalare per Monaco quando ne divenne arcivescovo.

Commenti (14)

Assisi di Bergoglio a metà tra quelle di Wojtyla e Ratzinger

Per la forma celebrativa la Giornata interreligiosa di ieri è a metà tra quella del 1986 e quella del 2011. Nei commenti la guardo con la lente e concludo – citando “Ultime conversazioni” – che Papa Benedetto pur non condividendola pienamente la potrebbe “accettare”.

Commenti (10)

Francesco ad Assisi: preghiera penitenza pianto di pace

“Oggi, uomini e donne di tutte le religioni, ci recheremo ad Assisi” ha detto il Papa stamane al Santa Marta e ha qualificato questo appuntamento, a trent’anni da quello indetto da Giovanni Paolo, come “giornata di preghiera, di penitenza, di pianto per la pace: giornata per sentire il grido del povero”. Sono con l’anima ad Assisi, dove sono stato per tutte le giornate della pace (1986, 1993, 2002) che si sono svolte finché ero il vaticanista del Corsera. Nei commenti aggiornerò l’informazione.

Commenti (33)

Guy Caponet è il testimone delle parole “Vattene Satana”

Con l’aiuto di un amico e di internet ho indagato sulle parole “vattene Satana” dette dal Padre Hamel al suo accoltellatore, riferite dal vescovo Lebrun nell’omelia della messa di addio, riprese da Papa Francesco il 14 settembre, cioè mercoledì. Quelle parole le ha riferite al vescovo l’unico uomo presente alla messa insieme alla moglie e alle tre donne: Guy Caponet, che poi è morto anche lui per le ferite ricevute subito dopo l’uccisione del prete. Nei commenti la mia ricostruzione dell’atto di martirio.

Commenti (21)

Mi chiamo Bassma che vuol dire sorriso

Visito il Palazzo Comunale di Pordenone e mi guida alla Loggia una ragazza velata appartenente a una famiglia che viene dal Marocco. “Mi chiamo Bassma che vuol dire sorriso” dice. Il breve dialogo nel primo commento.

Commenti (6)

Quando Turoldo disse al chirurgo: “Ci credo”

Presento a Pordenonelegge la felice biografia di Turoldo scritta da Mariangela Maraviglia (Morcelliana). In treno sfogliavo ritagli accumulati nei decenni e due mi sono entrati: uno che riporta il suo ultimo dialogo con il chirurgo; l’altro è un testo sull’Eucarestia che il padre David scrisse per il Corsera in occasione del Congresso Eucaristico di Milano del 1983. Li riacciuffo nei commenti.

Commenti (11)

Francesco in visita a nascenti e morenti

Nuovo “Venerdì della Misericordia” di Papa Francesco che oggi ha visitato in Roma il reparto di neonatologia del San Giovanni e l’Hospice “Villa Speranza”: creature in arrivo e in partenza tra grandi sofferenze. Continua nei commenti.

Commenti (6)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »