Per una pubblicità più trasparente


Ho fatto questa foto in via degli Astalli, cioè sul retro della prima residenza romana dei Gesuiti, lungo lo stesso marciapiede del Centro Arrupe per i rifugiati. Non sono esperto di pubblicità stradale ma non avevo mai notato una simile dichiarazione d’intenti. Mi pare ne venga un uso più trasparente dell’affissione e fors’anche più efficace: se sai a che serve, magari prendi in simpatia lo sponsor. Una pubblicità a metà tra il commercio e la sponsorizzazione. Chi sa di più, completi o corregga la mia lettura ingenua.

Commenti (2)

Giovedì 27 quarto mio dibattito con Rusconi sul Papa

Francesco dalla folla di Milano al convegno ‘Fare chiarezza’. Crescono i pro e i contro è il titolo del quarto dibattito che Giuseppe Rusconi e io faremo dopodomani al Centro Russia Ecumenica, dove avevamo tenuto il primo il 26 gennaio. Nei commenti il luogo, l’orario, i contenuti, i precedenti.

Commenti (32)

Bergoglio senza blindature al Cairo a Bozzolo a Barbiana

Avendo lavorato confusamente nella giornata per il Corsera – tra ordini e contrordini – sul Papa che al Cairo non userà l’auto blindata offerta dal governo egiziano e sull’annuncio del pellegrinaggio alle tombe di don Mazzolari e di don Milani, ho finito con l’unire le due uscite e interpretarle ambedue come missioni senza blindatura: con un’auto normale nell’Egitto degli attentati ed esposto sulle frontiere dei preti innovatori nell’Italia del più tenace clericalismo. Nei commenti minimi spunti sulle due notizie.

Commenti (5)

Il Papa: “Don Milani testimone di Cristo e del Vangelo”

“Accostiamoci agli scritti di don Lorenzo Milani con l’affetto di chi guarda a lui come a un testimone di Cristo e del Vangelo, che ha sempre cercato, nella consapevolezza del suo essere peccatore perdonato, la luce e la tenerezza, la grazia e la consolazione che solo Cristo ci dona e che possiamo incontrare nella Chiesa nostra Madre”: parole di Francesco nel videomessaggio inviato oggi ai partecipanti alla presentazione dell’opera omnia di don Milani alla fiera milanese dell’editoria italiana. Nel primo commento la mia esultanza.

Aggiornamento a lunedì 24 aprile. Ecco il mio commento alle parole del Papa pubblicato oggi dal Corsera.

Commenti (22)

Francesco: la nostra civiltà che non fa figli e non accoglie

“Noi siamo una civiltà che non fa figli ma anche chiudiamo la porta ai migranti: questo si chiama suicidio”: parole dette oggi pomeriggio da Francesco all’Isola Tiberina, in occasione di una “liturgia in memoria dei nuovi martiri del XX e XXI secolo” che si teneva nella Basilica di San Bartolomeo dove la Comunità di Sant’Egidio ha realizzato un Memoriale dei cristiani d’ogni continente uccisi in odio alla fede negli ultimi decenni. Nei commenti due parlate improvvisate del Papa, la prima durante l’omelia, la seconda salutando dalla piazza prima del rientro in Vaticano.

Aggiornamento a domenica 23 aprile: Qui il mio articolo scritto ieri per il Corsera di oggi sul Papa all’Isola Tiberina.

Commenti (51)

Müller: ho letto tutto Romero per esaminarne l’ortodossia

Il cardinale Müller prefetto della Congregazione per la dottrina della fede garantisce sull’ortodossia dell’arcivescovo Romero in vista della canonizzazione: lo afferma in un’intervista ad “Aleteia”. Nei commenti la sua affermazione e altre due battute sull’Amoris laetitiae con le quali contraddice chi accusa l’esortazione di “relativizzare” il matrimonio.

Commenti (64)

Un ossimoro urbano sotto casa


Abito a Roma in via di Santa Maria Maggiore e a 50 metri da me c’è ora un’Enoteca di nome Astemio. Nel primo commento dico il sale della faccenda.

Commenti (50)

Francesco: “Gesù è qui in piazza con noi vivo e risorto”

Dopo l’omelia del kerigma pasquale, cioè dell’annuncio della risurrezione, svolta a braccio il giorno di Pasqua, oggi Francesco ha proposto all’udienza generale una catechesi del kerigma pasquale altrettanto efficace, semplice e coinvolgente a un tempo. Ne propongo nei commenti i passaggi essenziali e li dedico a quanti lamentano che il nostro Papa non parla mai della risurrezione.

Commenti (102)

A Canossa per un saluto a Ludovico


Tornando da un giro di Pasqua e di Pasquetta sono salito ieri a Canossa per un saluto a Ludovico Ariosto. Non per la gran Contessa vi salii, né per quei fracassoni di Enrico IV e Gregorio VII, ma per il maestro dell’ottava fluente che fu Capitano della Rocca ad anni 26 e in essa generò Virginio dalla serva Maria. La foto dice che Ludovico ha dei pensieri. Io invece no.

Commenti (10)

Francesco e l’omelia di Pasqua venuta dal cuore

“Il Papa non tiene l’omelia poiché alla Messa fa seguito la Benedizione ‘Urbi et Orbi’ con il Messaggio pasquale”: così era previsto ma Francesco non ha trattenuto il suo cuore e ha improvvisato un’omelia appassionata, forse la più bella omelia del kerigma, cioè dell’annuncio cristiano, che abbia fatto da quando è Papa. La riporto per intero nei commenti.

Commenti (88)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »