Archivi per febbraio 2007

Sanna: “Guardiamo sopra il sole”

Leggo la prima lettera dell’arcivescovo Ignazio Sanna ai cattolici di Oristano, intitolata Guardare sopra il sole (ha la data del 1° gennaio 2007) e la segnalo ai visitatori del blog per l’immagine forte consegnata al titolo, così spiegato dallo stesso Sanna: “Troppo spesso si sente ripetere il detto biblico: ‘niente di nuovo sotto il sole’. Io vorrei che il mio minsietro di verità e di carità aiutasse tutti a guardare sopra il sole, e qui trovare ispirazione e motivazione per vincere il fatalismo, ricominciare, combattere la rassegnazione. L’esperienza ci dice che solo l’animale guarda verso terra, mentre l’uomo è nato per guardare in alto. Ma guardare in alto è espressione simbolica per dire ‘guardare a Dio’. Bisogna ricominciare a guardare a Dio”. Approfitto di questa citazione per mandare un bel saluto a don Ignazio, caro amico e valente teologo. E osservo che i nostri due teologi di maggior nome, Bruno Forte e Ignazio Sanna, ambedue presenti nella Commissione teologica internazionale, sono stati fatti vescovi lungo gli ultimi tre anni. Il primo da papa Wojtyla, il secondo da papa Ratzinger. 

Commenti (11)

Una bisnonna alla “buona madre Maria”

Buona Madre Maria

vorrei dirti oggi

quanto sono preoccupata

per i miei nipoti e pronipoti.

Vivono altrimenti che io lo sognavo,

vivono per altri valori,

seguono altre norme.

Vanno per le loro proprie vie

e spesso non capisco

ciò che rispondono alle mie domande.

Sono buoni fanciulli

però la loro fede è tanto differente

da quella che noi abbiamo imparato un tempo.

Buona Madre Maria

tu capirai i miei grattacapi:

anche il tuo Figlio prendeva delle vie

altre da quelle che sognavi

e anche le sue parole

suonavano spesso tanto strane.

Preoccupati dei miei nipoti e pronipoti.

Resta con loro, non lasciarli soli.

E possano attraverso tutto

riscoprire il tuo Figlio. Amen

 

(Da un testo dattiloscritto, intitolato Preghiera di una bisnonna, trovato in più copie – a disposizione dei visitatori – nella chiesa romana di San Giorgio al Velabro)

Commenti (2)

Apocalypse now

“Dove andate cornuti e mignotte bastardi che ci sta la fine del mondo?”: scritto su un muro in via Paolina, a Roma, all’angolo che dà sul fianco sinistro di Santa Maria Maggiore.

Commenti (11)

“Avvenire” beatifica il commissario Calabresi

Venerdì 23 Avvenire scrive che “è avviato un processo di beatificazione” del commissario Calabresi. La famiglia, il Vicariato di Roma (dove il commissario è nato) e la Curia di Milano (dove è morto) prima dicono che non ne sanno nulla e poi smentiscono. Per tutto il pomeriggio è una ridda di illazioni e dichiarazioni. Per un momento sembra che il Vicariato abbia dato un “nulla osta” per la raccolta della documentazione sul personaggio, ma subito il portavoce smentisce anche questo preavvio. Avvenire di oggi dedica alla questione un trafiletto (ieri era una pagina) dove si dà conto che il  Vicariato ha fatto la sua precisazione “dopo la notizia di un presunto ‘nulla osta’ diffusa ieri dalle agenzie”. Insomma viene gettata la croce sulle agenzie per quel peregrino “nulla osta” e non si dice nulla della falsa notizia della causa data da Avvenire e da tutti smentita. E’ abituale che il quotidiano cattolico faccia la predica a noi informatori religiosi della stampa laica perchè – sostiene con ogni ragione – non corregiamo quasi mai le informazioni sbagliate che ogni tanto diamo e mai ammettiamo l’errore. E’ vero, noi siamo indifendibili. Ho fatto qualche battaglia nei due quotidiani dove ho lavorato e lavoro per riconoscere i “miei” errori e sono stato quasi sempre sconfitto. Ma oggi posso dire ad Avvenire: “Oimè, quanto somiglia al tuo costume il mio!”

Commenti (3)

Se Bertone ruba la scena a Ruini

Secondo Francesco Cossiga «la segreteria di Stato ha tolto alla Cei la gestione dei rapporti col governo e la guida diretta della Chiesa italiana per avocarle a sè». Il presidente emerito ne parla in un’intervista al Quotidiano nazionale di ieri, ragionando sull’incontro Bertone-Prodi di lunedì che ha tagliato fuori il cardinale Ruini. Per Cossiga «in rottura con la prassi inaugurata da Paolo VI e confermata da Giovanni Paolo II, la Segreteria di Stato ha riaffermato la propria superiorità sulla Chiesa d’Italia».Riguardo alla possibilità che questa novità possa modificare la linea del Vaticano rispetto al governo, Cossiga dice: «Credo di sì. È noto che il cardinale Bertone non vedeva con favore la linea di intransigenza della Cei». Credo sia vero che il cardinale Bertone rivendica un ruolo più attivo verso l’Italia, ma questo non vuol dire che avochi a sé “la guida diretta della Chiesa italiana”. E non credo che comporti una linea può flessibile: la linea è la stessa e viene dalle indicazioni del papa. Muta la gestione e la distribuzione delle responsabilità, non la posizione. Il papa – e Bertone per lui – vuole meno forti e meno protagoniste le conferenze episcopali. Presidenti leaders come il cardinale Lehmann in Germania e il cardinale Ruini in Italia, che guidano per un ventennio il rispettivo episcopato, finiscono con il dare un tale ruolo al “coordinamento” tra vescovi da farne un terzo soggetto ingombrante tra il vescovo e il papa. Ma abbassando il profilo della presidenza della Cei, chi fa poi valere sulla scena pubblica la posizione della Chiesa? Il segretario della Cei, o il presidente (che non sarà più necessariamente il vicario di Roma, né un cardinale), o altro vescovo a ciò delegato, magari come portavoce di una commissione, che opererà in stretto rapporto con la Segreteria di Stato. Un rapporto che varrà solo per l’azione ad extra e non per la “guida della Chiesa”, che ovviamente resterà ai singoli vescovi e al loro coordinamento in conferenza.

Commenti (17)

Radio Maria e il rito ambrosiano

“Noi di Radio Maria, qui a Erba, siamo di rito ambrosiano ma facciamo finta di essere di rito romano e iniziamo oggi la Quaresima”: così stamattina padre Livio, ricordando agli ascoltatori che il calendario ambrosiano prolunga il carnevale di quattro giorni rispetto a quello romano. “Non c’è niente da fare – commenta – i milanesi vogliono fare il carnevale fino al sabato, non gli basta il martedì! Ci hanno provato in tanti a spostare la data, anche San Carlo Borromeo, ma qui fanno la rivoluzione piuttosto che rinunciare a quattro giorni di baldoria”. Il rapporto reattivo di padre Livio col rito ambrosiano mi ricorda la battuta di una mia figlia di dieci anni che un giorno era a messa con me in Sant’Ambrogio e si meravigliò di vedere lo scambio della pace all’offertorio. “I milanesi hanno un rito diverso” le dissi. “E te pareva!” rispose nel suo fresco romanesco. Il fatto è – io credo – che Carlo Borromeo, il padre Livio e mia figlia non sono nati ambrosiani. I Borromeo venivano da Padova mentre “il Padre Livio Fanzaga è nato nel 1940 a Sforzatica, nei pressi di Bergamo” – leggo in una scheda – ed è un sacerdote dell’ordine degli scolopi. Non c’è niente da fare: ambrosiani si nasce! 

Commenti (8)

Malelingue vaticane – 2

Il diario del Conclave pubblicato dalla rivista Limes nel settembre del 2005, attribuito a un conclavista anonimo, segnalava il cardinale Giacomo Biffi come destinatario di un voto nell’ultimo dei quattro scrutini che portarono all’elezione di Benedetto XVI. Altre “voci” sugli scrutini attribuiscono un voto a Biffi in ognuno degli scrutini. Le malelingue vaticane ipotizzano che a dare quel voto all’ex arcivescovo di Bologna, malalingua a sua volta ma buon teologo e ottimo cultore della lingua italiana, sia stato il cardinale Ratzinger. Giacomo Biffi è stato chiamato ora da papa Benedetto a predicare gli Esercizi di Quaresima in Vaticano del 25 febbraio al 3 marzo. Tra i predicatori delle Quaresime vaticane (Wojtyla e Ratzinger, Martini e Lyonnet, Ballestrero e Barsotti, Hummes e Cè, Comastri, Corti, Forte…) egli è l’unico chiamato due volte, avendola già predicata nel 1989 per richiesta di Giovanni Paolo.

Commenti (45)

Benedetto e la rivoluzione cristiana

Segnalo ai visitatori l’angelus di ieri, straordinario esempio della forza di parola di papa Benedetto (vedi post 12 giugno, 9 e 13 luglio, 10 agosto, 24 ottobre, 21 novembre). “Il Vangelo di questa domenica contiene una delle parole più tipiche e forti della predicazione di Gesù: “Amate i vostri nemici” (…) quasi un “manifesto” presentato a tutti, sul quale Egli chiede l’adesione dei suoi discepoli, proponendo loro in termini radicali il suo modello di vita. Perché Gesù chiede di amare i propri nemici, cioè un amore che eccede le capacità umane? In realtà, la proposta di Cristo è realistica, perché tiene conto che nel mondo c’è troppa violenza, troppa ingiustizia, e dunque non si può superare questa situazione se non contrapponendo un di più di amore, un di più di bontà. Questo “di più” viene da Dio: è la sua misericordia, che si è fatta carne in Gesù e che sola può “sbilanciare” il mondo dal male verso il bene, a partire da quel piccolo e decisivo “mondo” che è il cuore dell’uomo. Giustamente questa pagina evangelica viene considerata la magna charta della nonviolenza cristiana, che non consiste nell’arrendersi al male – secondo una falsa interpretazione del “porgere l’altra guancia” (cfr Lc 6,29) – ma nel rispondere al male con il bene (cfr Rm 12,17-21), spezzando in tal modo la catena dell’ingiustizia (…) L’amore del nemico costituisce il nucleo della “rivoluzione cristiana”, una rivoluzione non basata su strategie di potere economico, politico o mediatico. La rivoluzione dell’amore, un amore che non poggia in definitiva sulle risorse umane, ma è dono di Dio che si ottiene confidando unicamente e senza riserve sulla sua bontà misericordiosa. Ecco la novità del Vangelo, che cambia il mondo senza far rumore. Ecco l’eroismo dei “piccoli”, che credono nell’amore di Dio e lo diffondono anche a costo della vita”. Sottolineo quattro motti: Misericordia che si è fatta carne, nonviolenza cristiana, rivoluzione cristiana, rivoluzione dell’amore.

Commenti (19)

Martini: “In lista d’attesa per la Gerusalemme celeste”

“Mi considero in lista d’attesa per la Gerusalemme celeste”: sono stato a Galloro per l’ottantesimo compleanno del cardinale Martini (vedi post precedente) e questa è la frase sua che più mi ha raggiunto. Vi si sente l’esperienza di chi talvolta è finito nella lista d’attesa per la Gerusalemme di quaggiù! Sono felice d’averlo potuto salutare insieme a mia moglie, che è milanese e che ha subito riconosciuto: “Lei è ambrosiana!” Sono contento d’averlo trovato bene: la voce e la prontezza mentale sono quelle di sempre. Ho accennato agli auguri dei miei bloggers, ma c’era ressa e non ho potuto dettagliare nulla. Tuttavia gli ho lasciato lo stampato del post precedente e dei commenti di chi gli inviava auguri tramite me. Mi ha ringraziato. Sono sicuro che leggerà e dunque saprà le lodi e le riserve.

Commenti (3)

Gli auguri del cardinale Martini a papa Ratzinger

«Prego molto per lui, perché ha la mia stessa età e un carico tanto grave da portare. Per questo sento, riguardo alla sua persona, non solo riverenza e obbedienza, ma anche affetto, simpatia e comprensione. Gli auguro ciò che dice san Paolo in Ebrei 13,17: che possa godere di tanta obbedienza e collaborazione da parte di tutti così che possa portare questo peso “con gioia e non gemendo”. E chiedo anche che viva la consolazione di cui parla la terza Lettera di San Giovanni al versetto 1,4, quando dice: “Non ho gioia più grande di questa, sapere che i miei figli camminano nella verità”» : così il cardinale Carlo Maria Martini nell’intervista di ieri ad Avvenire, in occasione del compimento degli 80 anni (che cade oggi). Sono in viaggio e leggendo i giornali in treno, ieri mattina, avevo deciso di riportare questo brano, ma ho potuto accendere il computer solo verso la mezzanotte, dopo una conferenza tenuta a Cento (Ferrara). Letti i commenti al post precedente, ho trovato che Fabrizio, uno dei visitatori più puntuali, aveva segnalato questo stesso brano. Ringrazio Fabrizio. Vedrò Martini sabato a Galloro – dove vive quand’è in Italia – e gli porterò i saluti dei bloggers, se vi saranno. Oltre ovviamente quelli di Fabrizio, che erano impliciti nel suo commento.

Commenti (38)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »