Archivi per giugno 2010

In chiesa la gente è poca

In chiesa la gente è poca ma il prete grida come quand’era tanta.

Commenti (7)

Luciano Monari: “Mi vergognerò di me mai del Vangelo”

Mi vergognerò di me e dei miei peccati ma non avrò mai da vergognarmi del Vangelo e del suo insegnamento né dello Spirito che ci è stato dato”: così Luciano Monari vescovo di Brescia in una lettera su don Baresi condannato per abuso sessuale. Credo sia il testo più vivo venuto fino a oggi da un vescovo italiano su questa materia nuova e terribile. La commento in una nota per Vino Nuovo.

Commenti (219)

Su Roma l’alto grido dei gabbiani

Su Roma l’alto grido dei gabbiani. E’ un endecasillabo e può bastare.

Commenti (23)

Carlo Melina: “La gente aveva più bisogno di Dio”

I tempi erano diversi dagli attuali e la gente aveva più bisogno di Dio, mancando i bar e i cinema. La guerra poi non lasciava spazio a distrazioni. Durante i bombardamenti riunivo i fedeli in chiesa. Si sperava che le bombe non sarebbero cadute, che gli angeli ci avrebbero protetto“: parole di Giovanni Battista Proja, prete romano di 93 anni, intervistato da Carlo Melina in un libretto fresco di stampa e di lingua: Vita da preti. Grazie e disgrazie del ministero sacerdotale (Vallecchi, pp. 189, euro 14,50). Per bocca di un altro intervistato, il parroco milanese Franco Berti, Melina distingue tra “i ciellini e i ciellini di allevamento” che sono i figli dei primi. Si mette tra questi e dice che si è “tirato fuori appena possibile”. Ma ci sono un paio di morsi – nel volume – al cardinale Martini e dunque  l’allevamento ha lasciato il segno. Tra i dodici intervistati c’è un monaco di Camaldoli (Giuseppe Cicchi), uno che celebra con il vecchio rito a Verona (Vilmar Pavesi), il prete clown Giuseppe Rosati e uno quasi clown Roberto Tassi, il vescovo Nunnari, il curiale Marzotto Caotorta e altri che si chiamano Nicola Munari, Luis Granados, Luigi Zucaro più un “innominato” che vive in Vaticano e che io non ho indovinato. Melina è libero nel linguaggio, indaga con occhio sveglio e non racconta storie edificanti. Si interessa a come vestono i preti sotto la talare, a che mangiano. Si parla delle ragazze incontrate prima di andar preti e anche della pedofilia. Ma la veduta è più ampia e il libro è godibile in ogni pagina. L’autore è giovane, per ora disoccupato e farà strada.

Commenti (8)

Quell’impedito di Brancher

Di ministri impediti avevamo esperienza. Ma uno che fosse impedito in quanto tale non l’avevamo ancora visto.

Commenti (25)

Vergogna lacrime disastro l’Italia nel pallone

“La vergogna e le lacrime” è il titolo di Repubblica. “La disfatta e la vergogna” quello del Corsera. “Disastro azzurro” fa Avvenire. Ognuno  la mette sul tragico. Credo anch’io che quelle tre partite siano state un disastro ma non spenderei per così poco quelle rare risorse umane che sono la vergogna e le lacrime. Qui si tratta di una palla che rotola qua e là spinta da piedi miliardari.

Commenti (59)

Ragazzi in festa divorati dal treno a Barcellona

Quei dodici ragazzi in festa divorati dal treno a Barcellona – come le sette ragazze e i sette ragazzi che Atene destinava al Minotauro.

Commenti (3)

Da Annalena Tonelli a Luigi Padovese

Gesù Cristo non ha mai parlato di risultati. Lui ha parlato solo di amarci, di lavarci i piedi gli uni gli altri, di perdonarci sempre… I poveri ci attendono. I modi del servizio sono infiniti e lasciati all’immaginazione di ciascuno di noi. Non aspettiamo di essere istruiti nel tempo del servizio. Inventiamo… e vivremo nuovi cieli e nuova terra ogni giorno della nostra vita“: sono parole di Annalena Tonelli (1943-2003) martire in terra di islam, che un amico invia al vescovo Luigi Padovese (vedi post del 3 giugno), futuro martire in terra di islam, in occasione della Pasqua del 2005, ricevendone questa risposta: “Grazie per l’email e gli auguri e per la bella testimonianza di Annalena Tonelli. E’ la ricerca dell’essenziale senza chiedersi quanto, quali risultati. E’ un abbandonarsi alla Provvidenza che testimonia una grande fede“. Martiri che hanno seminato senza calcolo. In parola e sangue. Perchè altri raccolga.

Commenti (5)

Fermare la fretta e aspettare

Due priorità: fermare la fretta e aspettare.

Commenti (22)

Spidlik: “Sto per andare a vederlo”

«Per tutta la vita ho cercato il volto di Gesù e ora sono felice e sereno perché sto per andare a vederlo»: sono le ultime parole del cardinale Tomas Spidlik, morto a 90 anni il 16 aprile. Parole inermi, parole grandi. La condizione del cristiano si rivela ogni giorno più inerme di quanto vorremmo. Non c’è altra via che gettarsi in quell’inermità. Commento il testamento di Spidlik nella rubrica DIMMI UNA PAROLA del sito Vino Nuovo.

Commenti (4)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »