Archivi per dicembre 2014

Il Papa ai cristiani di Roma: sale e luce o spenti e insipidi?

“In questa città di Roma, in questa comunità ecclesiale, siamo liberi o siamo schiavi, siamo sale e luce? Siamo lievito? Oppure siamo spenti, insipidi, ostili, sfiduciati, irrilevanti, stanchi?”: al “Te Deum” di fine anno il Papa ha proposto ai cristiani di Roma un severo esame di fronte alle “gravi vicende di corruzione emerse di recente”. Come cittadino di Roma gli sono grato e nei primi commenti riporto altri passi dell’omelia.

Commenti (17)

Antonio Spreafico: “Avevo la Sla ma lei mi voleva ancora”

“Quando è riemersa dalla disperazione provocata dalla certificazione della mia Sla, Emilia mi ha chiesto di accettare tutto ciò che ci avrebbe consentito di continuare a stare insieme e il messaggio era che lei mi voleva ancora”: parole di Antonio Spreafico, architetto e designer, che dal 2011 è colpito da Sla. Con l’aiuto del fratello Giorgio ha narrato in un libro lo tsunami che ha colpito lui, la moglie Emilia e i due figli. E’ intitolato Luce. Dalla disperazione alla gioia (Emi editore 2014, pagine 159, euro 14). Sono contento di averlo letto e ringrazio con un bicchiere di Vino Nuovo Antonio che l’ha dettato, Giorgio che l’ha scritto, Emilia che l’ha reso possibile.

Commenti (18)

“Aprite le parrocchie ai senza casa”

“Il grande freddo fa paura a tutti e chi vive in strada non sa come difendersi. L’assessora al Sociale del Comune di Roma Francesca Danese chiede aiuto a tutti, volontari laici e religiosi, associazioni e parrocchie: aprite i vostri spazi ai senzacasa”: le iniziative del Comune in questo servizio del Corsera. «Invito le comunità, soprattutto nel periodo delle feste, a promuovere iniziative di solidarietà concreta offrendo un riparo a chi vive in strada» era stato l’appello del direttore della Caritas di Roma alla viglia del Natale.

Commenti (25)

“Non voglio farmi saltare in aria” dice Usaid

«Ho aperto la giacca e ho detto: ho una cintura da kamikaze, ma non voglio farmi saltare in aria»: così Usaid, un ragazzo di 14 anni reclutato dall’Isis e inviato a Baghdad a fare sangue. Per cinque volte ho avuto figli di quell’età e adoro l’attaccamento alla vita dei quattordicenni.

Commenti (1)

«Però adesso aiutatemi a spostare dieci banchi»

“Un sabato sera ho visto la chiesa aperta e con il mio ragazzo sono entrata e ho detto al parroco che volevo fare la cresima prima del matrimonio e il parroco mi ha risposto ‘ok ma in cambio mi aiutate adesso a spostare dieci banchi’; e ora veniamo a messa tutte le domeniche”: parole di una ragazza riferite al parroco di Santa Maria ai Monti (Roma), Francesco Pesce. A don Francesco e ai due sposi offro un bicchiere di Vino Nuovo.

Commenti (52)

Volevo che fosse data una possibilità al giovane Caino

“Al processo per l’uccisione di mio marito, udendo la parola ergastolo mi sono sentita morire: Matteo aveva fatto qualcosa di aberrante, ma non potevo accettare che la società non desse una possibilità di riscatto a un ragazzo così giovane”: parole di Claudia Francardi che insieme a Irene Sisi ha fondato a Grosseto l’associazione “AmiCainoAbele”. Claudia è la vedova del carabiniere Antonio Santarelli, aggredito dal diciottenne Matteo Gorelli a un posto di blocco e morto nel 2012 dopo un anno di coma; Irene è la mamma di Matteo, che sta scontando 20 anni in una comunità di don Mazzi. A Claudia e Irene, donne piene di coraggio, dedico un bicchiere di Vino Nuovo.

Commenti (33)

Il bambino la stella l’asino e il bue

Natività, Roda de Isabena, Aragona, bassorilievo romanico

Commenti (49)

Auguri con Isaia e il Bambino nato per noi

Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
un bambino è nato per noi,
ci è stato dato un figlio.
Ora la nostra gioia trabocca.
[Da Isaia 9]

Commenti (13)

Viene l’inverno e i grilli vanno in letargo

Altri tre grillini lasciano Grillo e dal quartier generale dicono: è un calo fisiologico. Sommando Camera e Senato, sono 26 su 163 i parlamentari grillini che hanno lasciato o sono stati cacciati. Mi dice un amico che coltiva le scienze naturali che è l’esatta percentuale del calo corporeo del grillo quando va in letargo: da due giorni siamo in inverno.

Commenti (6)

Quando vedrete colui che attendete

La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della sofferenza, per la gioia che è venuto al mondo un uomo. Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma quando avrete visto colui che attendete vi rallegrerete e nessuno potrà togliervi la vostra gioia. Quel giorno non mi domanderete più nulla.
[da Giovanni 16]

Commenti (5)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »