Archivi per settembre 2016

Renzi e Zagrebelsky: due tipi che somatizzano

Sto seguendo su la 7 il dibattito Renzi-Zagrebelski sul sì o no alla riforma costituzionale, arbitro Mentana, e mi viene in mente che si tratta di due tipi che somatizzano. Il premier ebbe a dire che se vinceva il “no” lasciava la politica. Il professore è il suo giusto antagonista, perché un giorno affermò che “se passerà il sì smetterò di insegnare”. Io non somatizzo quasi mai, probabilmente voterò sì ma se vincerà il no non mi ammalerò né andrò all’estero. Tuttavia chi somatizza mi sta simpatico e se somatizzano in due il dibattito ci guadagna. Povero Mentana: forse è la prima volta stasera che rischia di non toccare palla.

Commenti (40)

Lucio Dalla o dello scarabeo visionario

Sono corso al Vittoriano per vedere prima che chiuda – domenica 2 – la mostra “Lucio Dalla immagini e suoni“. Dalla foto posta a logo mi è venuta l’idea di intitolare il post allo scarabeo visionario. Lì per lì quello scuffiotto con gli occhiali e i due occhi rotellanti darebbero l’immagine della coccinella. Ma Lucio è piuttosto uno scarabeo, come appare chiaro dalla foto che metto al primo commento.

Commenti (5)

Francesco per Aleppo: chi bombarda darà conto a Dio

All’udienza in piazza Francesco ha appena detto che chi bombarda ad Aleppo ne darà conto davanti a Dio: riporto nel primo commento l’appello. Piango e grido con il Papa. Nel secondo commento ricordo il legame personale di Francesco con i profughi siriani che ha portato da Lesbo e che ha incontrato l’11 agosto al Santa Marta.

Commenti (5)

Lombardi ricorda il cuore mite e forte di Papa Ratzinger

Ieri al San Gallicano presentazione di “Servitore di Dio e dell’umanità. La Biografia di Benedetto XVI” (Mondadori) di Elio Guerriero: da leggere, ne riparlerò. Ma è stata anche l’occasione per ascoltare un padre Lombardi sciolto, quasi sciolto, dai legami istituzionali. Anche su questo tornerò. Intanto metto a fuoco un passaggio della sua conversazione nel quale, a esempio della “delicatezza di Benedetto verso le persone”, ha fatto riferimento a un “comunicato” per le dimissioni di un vescovo che era stato scritto dal Papa. Lombardi non ha nominato il vescovo e io ci sono stato su la notte, l’inseguivo nella memoria e infine l’ho raggiunto. Lo riporto e poi torno a dire la mia.

Commenti (7)

Benedetto 4: trovavo irragionevole l’idea di essere eletto

A pagina 173 di “Ultime conversazioni” (Editore Garzanti) Papa Benedetto ragiona della sua elezione e afferma di non aver preso “veramente sul serio” quanti alla vigilia del Conclave gli parlavano della possibilità della sua elezione: “Pensavo: non esiste, è irragionevole”. Metto quelle parole a titolo della quarta puntata antologica del volumetto, che offro ai visitatori.

Commenti (15)

Parabola del Leopardi e del fanciullo visto in chiesa

Stasera in parrocchia bimbino di tre anni che va avanti e indietro nel mezzo della chiesa guardando intorno come a casa sua. E memoria di Giacomo Leopardi che aveva già descritto quella scena: vedila nel primo commento.

Commenti (5)

Vuoi stare insieme a me?

“Giusy vuoi stare insieme a me?”: questa proposta piena di garbo è tracciata a grandi lettere sul parapetto della scala che porta all’ingresso del campanile di San Marco a Pordenone. L’ho letta domenica 18 trovandomi lassù per una conferenza a Pordenonelegge.

Commenti (6)

Da Castelbasso in questi anni domini attuali

Questo è Castelbasso, Teramo, nido di pietre a tiro del mare, dove fui in luglio per una conferenza. Al centro c’è una chiesa, restaurando la quale dietro a un pannello della porta è apparso un messaggio a matita dei falegnami che la costruirono nel 1906: si chiedevano come vada a noi, scopritori del pannello, riguardo alla fame e agli altri accidenti della vita. Nel primo commento la foto del pannello e il testo del messaggio. Nel secondo la foto di un leoncino, custode della porta e della scritta.

Commenti (34)

Benedetto 3: “Non osavo essere tanto originale”

“Ultime conversazioni” [Edizioni Garzanti: vedi post dell’11 e del 13 settembre] mostra un Ratzinger che non teme di rievocare momenti di vita che non aveva mai narrato prima con tanta libertà. E’ uno degli aspetti amabili del libretto. Il titolo lo prendo dalla confidenza sulla bicicletta: l’usava da professore, ma non se la sentì di pedalare per Monaco quando ne divenne arcivescovo.

Commenti (14)

Assisi di Bergoglio a metà tra quelle di Wojtyla e Ratzinger

Per la forma celebrativa la Giornata interreligiosa di ieri è a metà tra quella del 1986 e quella del 2011. Nei commenti la guardo con la lente e concludo – citando “Ultime conversazioni” – che Papa Benedetto pur non condividendola pienamente la potrebbe “accettare”.

Commenti (10)

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »